Imprinting Evolution

Si chiama Imprinting Evolution la nuova tecnica di colorazione Davines. Tale tecnica, realizzabile unicamente presso i saloni del brand, ricrea sui capelli le geometrie della natura e delle costellazioni. Dietro la sua nascita ci sono l’infinita creatività di Angelo Seminara – dal 2011 Direttore Artistico e hairstylist pluripremiato – e la professionalità dei laboratori Davines.

Davines Imprinting Evolution: di cosa si tratta

Il colorista si serve di uno strumento a base magnetica, l’Imprinter, che gli consente, grazie alla presenza di due coppie di stencil metallici, di trasformare la chioma in una sorta di tela su cui liberare la propria creatività.

La Natura come Musa

È la natura la Musa ispiratrice di Seminara. Le sue geometrie, così evocative, hanno acceso e alimentato, come linfa vitale, la creatività dell’hairstylist. Le venature dei tronchi degli alberi, la lucidità perfetta di una goccia d’acqua e altri spettacoli della natura possono essere replicati sui capelli. Grazie a The Imprinter, ora è possibile. Con risultati all’avanguardia in fatto di tecniche di colazione dei capelli.

Gli ultimi arrivati tra gli effetti grafici vengono direttamente dal cosmo. “Creation” e “Star Cluster” sono il frutto del fascino che esercitano le costellazioni, le cromie del cielo e i suoi bagliori di luce.

Imprinting Evolution: modalità di realizzazione

Si tratta di una tecnica altamente modulabile. Consente, infatti, di spaziare da netti contrasti di colore ad accostamenti solamente accennati. Sono due le soluzione mediante cui può essere realizzato.

Applicazione parziale

Solo su alcune sezioni della chioma. Questa è la scelta ideale per chi desidera che i giochi grafici si intravedano con il movimento naturale dei capelli o nei raccolti.

Applicazione completa

Sull’intera capigliatura. Soluzione perfetta per chi non ha paura di osare e desidera un look altamente creativo e dal sicuro impatto visivo.

Gli effetti grafici interessano solamente le lunghezze, escludendo le radici. Si evita così il problema della ricrescita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here