“Coronavirus, allenamento e disciplina”

Matteo Piran
Matteo Piran è coach, Atleta pluricertificato, campione mondiale, campione europeo, medaglia di bronzo, trainer individuale e proprietario di Box Crossfit. Oggi Matteo Piran si sta certificando a Precision Nutrition “La casa dei migliori allenatori nutrizionali al mondo”. Perché il suo scopo è sempre quello: insegnare gli elementi essenziali dello sport,  ma anche della nutrizione fisica e mettere a disposizione il sapere e l’esperienza. E lo fa oggi ancora di più perché crea e invia programmi di allenamento individuali e personalizzati con Outcome Fitness Costuming

Hai dichiarato: “Il lockdown ci ha obbligato a lavorare molto su noi stessi, sulla nostra tenuta mentale, e ci ha portato a scoprire le relazioni “virtuali”. Per l’allenamento è stato lo stesso. Bisogna ripartire da li”. Ce ne puoi parlare?

A causa della pandemia, tutti siamo stati costretti all’isolamento e al distanziamento sociale. Abbiamo però potuto scegliere come reagire a quanto ci è stato imposto ed è qui che si è palesata la nostra vera indole. Sicuramente è stato un adattamento difficile per molti, soprattutto per chi come me svolge il suo lavoro a stretto contatto con i clienti, lavorando spesso sul lato psicologico ed emotivo prima ancora che su quello fisico. La tecnologia ci ha permesso di accorciare le distanze, e sicuramente potrà continuare a essere un mezzo prezioso da utilizzare anche dopo il ritorno alla normalità. Il coaching e l’allenamento “virtuale” possono diventare un mezzo complementare al rapporto umano “one to one”, al fine di creare un rapporto ancora più solido con il proprio coach e dare continuità al proprio allenamento.

Come cambierà con la ripresa del settore fitness e della riapertura delle palestre il modo di allenarsi?

Sono d’altra parte convinto che tutto quello che è accaduto porterà gli utenti a una maggiore consapevolezza, spingendoli alla ricerca di realtà che hanno saputo dimostrare il loro valore e la loro professionalità anche di fronte a palesi restrizioni come quelle che abbiamo dovuto mettere in atto. Per molti, i servizi online, offerti da professionisti del settore e centri fitness di alto livello, sono stati un incentivo a iniziare finalmente l’attività motoria di base ed è sorprendente vedere come qualcosa nato come alternativa alle normali attività, abbia potuto essere un incentivo per molti, magari da sempre frenati dalla pigrizia o dalla paura di inadeguatezza.

Sui social racconti come affrontare dal punto di vista psico-fisico il ritorno alla “semi-normalità”, grazie ad un’eterna infallibile pratica: la disciplina. Quali sono i consigli che vuoi dare ai nostri lettori?

Questo è la mia piccola guida al ritorno all’attività fisica:

. Meglio poco che niente, iniziate oggi, non rimandate.

. Siate consapevoli del possibile calo di prestazione, non scoraggiatevi e iniziate focalizzandovi sulla continuità delle sessioni d’allenamento piuttosto che sul loro volume o sulla loro intensità

. Iniziate il vostro cambiamento con delle piccole e sostenibili modifiche alle vostre abitudini. 

. Non cercate di modificare tutto subito, sottoporre il vostro corpo a cambiamenti drastici avrà come unico effetto quello di stressarlo e spingerlo verso il ritorno alle vecchie abitudini, buone o cattive che fossero.

. Ultimo, ma non per importanza, pianificate la vostra routine di allenamento così che sua complementare ed equilibrata rispetto agli altri impegni della giornata  La sostenibilità è la chiave per ottenere risultati concreti a lungo termine. 

Matteo Piran è coach, Atleta pluricertificato, campione mondiale, campione europeo, medaglia di bronzo, trainer individuale e proprietario di Box Crossfit. Oggi Matteo Piran si sta certificando a Precision Nutrition “La casa dei migliori allenatori nutrizionali al mondo”. Perché il suo scopo è sempre quello: insegnare gli elementi essenziali dello sport,  ma anche della nutrizione fisica e mettere a disposizione il sapere e l’esperienza. E lo fa oggi ancora di più perché crea e invia programmi di allenamento individuali e personalizzati con Outcome Fitness Costuming.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA