Così sono diventato il “gattaro del web”

influencer
Federico Santaiti, conosciuto come il popolare "gattaro del web" è il pet influencer più famoso d'Italia con oltre 34 mila follower su Instagram e 270 mila su Facebook, oltre ad avere attivo il gruppo "Amici Gattari" con oltre 60 mila iscritti

Sei conosciuto come il “gattaro del web” nonchè come il pet influencer più seguito d’Italia con oltre 260 mila follower e milioni di click ai tuoi video. Come hai avuto l’idea di coniugare il tuo amore per i gatti con la tua passione per il videomaking?

É nato tutto per gioco, dopo circa un anno di convivenza con Thorin e Blacky, avevo ormai compreso cosa volesse dire convivere con i gatti, e nel confrontarmi con amici e parenti che possedevano anche loro dei mici, mi resi conto che ci trovavamo a ridere e scherzare sulle medesime situazioni e gli stessi comportamenti bizzarri dei nostri amici a quattro zampe. Ad esempio: la sveglia presto, il dover coprire mobili e divani per metterli al sicuro dai loro artigli, la fine della privacy. Così un pomeriggio di gennaio ho deciso di tirar fuori la mia attrezzatura da videomaker e ho girato di getto il primo video dal titolo “Avere un Gatto Significa..” Quel video, il primo di una lunga serie, in meno di 24 ore ha superato il milione di visualizzazioni portandomi di fatto dall’avere 200 follower a 14 mila in pochissime ore. Dopo quel video ho iniziato a scrivere e realizzare altri contenuti sempre legati al mondo dei gatti e dei gattari.

In diverse interviste hai dichiarato “il tema della superstizione e della diffidenza del gatto nero è una tematica a cui tengo molto”. Ce ne puoi parlare?

Assolutamente sì! Il gatto nero in Italia ancora oggi è quello che viene adottato meno e allo stesso tempo è il primo ad essere abbandonato. La sua triste fama, almeno per quanto riguarda il nostro paese, è quella di essere considerato un portatore di sfortuna, questo per dicerie e superstizioni che risalgono al medioevo dove lo si associava spesso alle figure delle streghe e del demonio. Ovviamente si tratta di stupidaggini e superstizioni legate solo ad alcune nazioni, pensate ad esempio che in Scozia o in Giappone il gatto nero al contrario viene considerato un talismano porta fortuna. Ovviamente chi crede a queste fandonie è qualcuno che non ha mai avuto un gatto, e mi è capitato diverse volte di ricevere messaggi da persone che mi ringraziavano perché in qualche modo aiutavo a scardinare queste dicerie proprio con i miei video che hanno come protagonista un gatto nero, e di questo ne sono davvero molto felice.

A novembre hai lanciato con successo il tuo primo libro “Fatti i gatti tuoi”. Quali sono adesso i tuoi progetti per il futuro?

Il libro è stato davvero molto apprezzato e siamo solo a qualche mese dalla sua uscita. Sono molto contento, perché spostarsi dalla piattaforma video a quella cartacea non è qualcosa di così rapido e scontato. É stato un lavoro di molti mesi del quale sono molto soddisfatto. Per quanto riguarda il futuro, non ti nascondo che anche se per il momento è prematuro, ho già iniziato a pensare a qualche piccola idea per un secondo libro ma ovviamente ci vorrà tempo. Quello che è sicuro, è che continuerò a realizzare video e contenuti per il pubblico dei gattari, ho già diversi nuovi format in fase di scrittura e non vedo l’ora di poterli pubblicare.

Federico Santaiti, conosciuto come il popolare “gattaro del web” è il pet influencer più famoso d’Italia con oltre 34 mila follower su Instagram e 270 mila su Facebook, oltre ad avere attivo il gruppo “Amici Gattari” con oltre 60 mila iscritti. Con i suoi video colleziona milioni di view sulla rete ed è diventato un fenomeno virale. È autore del libro “Fatti i gatti tuoi” edito da Rizzoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA