Dolori mestruali: per la scienza sono intensi quanto quelli di un infarto

La scienza rende giustizia ai dolori mestruali, sconfessando gli scettici. Riducono le capacità fino ad un quinto e causano il 30% delle assenze delle donne dai posti di lavoro.

dolori mestruali
Foto Shutterstock

“Non puoi capire cosa si prova…”. Chissà quante volte avrete dovuto dire questa frase di fronte alla scettica espressione di un marito/compagno/amico/collega. E chissà quante volte vi sarete sentite dare delle “esagerate” o delle “scenografe” quando avete tentato, senza riuscirci, di esprimere con le parole il dolore che si può provare “in quei giorni”.

Il malessere connesso ciclo mestruale è ben conosciuto da tutte le donne. La “dismenorrea” – questo il nome scientifico che individua i crampi mestruali – possono essere assai variabili ed arrivare anche ad essere assai intensi e dolorosi. Fattori sia soggettivi che esterni, come lo stress, la stanchezza o qualche malessere fisico, possono contribuire alla loro intensificazione. Ebbene, anche la scienza, finalmente, rende giustizia alla “sofferenza” legata ai dolori mestruali.

Dolori mestruali: la scienza zittisce scettici e superficiali

La notizia è stata lanciata recentemente da Indian Times che ha raccolto diversi interventi scientifici sul tema della dismenorrea. Il magazine asiatico ha ripreso un’intervista rilasciata al network Quartz da John Guillebaud, professore di salute riproduttiva presso lo University College di Londra. Per lo scienziato è ormai evidente che l’intensità dei dolori mestruali può arrivare al punto di essere “quasi come avere un infarto“.

In un altro studio condotto dall’American Academy of Family Physicians si evidenzia come la natura del dolore mestruale sia tale da ridurre le capacità delle donne nelle attività quotidiane di oltre il 20%. Mentre un ulteriore inchiesta divulgata dal portale healthcare WebMD.com ha evidenziato come il dolore mestruale sia diventato la principale causa di assenze dal lavoro per le donne di età inferiore ai trent’anni.

Insomma, al prossimo commento sarcastico o superficiale sui dolori causati alle donne dal ciclo mestruale saprete cosa rispondere. E zittire gli scettici con i dati della scienza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here