Il momento perfetto per evolversi? È adesso!

Coronavirus
Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

Ce ne parla Sandro Zilli, Innovation Manager e Business Coach

“Vi darò una buona notizia: il momento giusto per cambiare è soltanto tutta
la vita! Qui e ora, in ogni momento, in ogni fase della vita, a ogni età. Questa però è una notizia terribile per tutti i procrastinatori del pianeta e per quelli che cercano alibi per la propria avversione al cambiamento. Queste persone si costruiscono delle scuse che li mettono al riparo dal doloroso processo di cambiamento, dicendosi che non è il momento giusto, che si è troppo giovani, oppure troppo vecchi, che bisogna aspettare che ci sia una determinata condizione e così via. Aspettare che esistano delle “condizioni perfette” perché ci si possa facilmente mettere in azione e realizzare i propri desideri è perfettamente inutile nonché utopistico. C’è una sconsiderata fiducia nel potere di questa attesa che è utile solo a disperdere energia, a defocalizzarsi dal proprio obiettivo e a far cadere nell’oblio tutto ciò che riteniamo importante per la nostra vita. Ci si ritrova così un giorno, scontenti della propria vita e pieni di rimpianti. È innegabile che quando si prova a cambiare rotta ci si trovi a fronteggiare giorni difficili, ed è probabile che ci si senta inadeguati con la conseguente mancanza di fiducia in se stessi. Tuttavia, la motivazione e il desiderio di raggiungere un nuovo obiettivo ci devono aiutare a riflettere, a fermarci e a pensare in modo positivo affinché si possa andare avanti e sostenere il nostro cambiamento. Durante questi momenti critici è fondamentale avere bene in mente qual è il proprio obiettivo e quali saranno i benefici che si otterranno quando verrà raggiunto. Più è definito l’obiettivo, chiaro, concreto e misurabile, più è facile il percorso verso la crescita. Io suggerisco sempre di fidarsi del proprio istinto. Quando sentiamo di essere in una fase di transizione o di crescita o di trasformazione, quello è il momento in cui prendere una decisione. Anche in questo caso se si vuole ricondurre tutto a una parola possiamo dire “adesso”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA