“La felicità dipende solamente da me”

Omar Ciutto
Omar Ciutto, 42 anni, in seguito di un incidente durante un allenamento di motocross, a 20 anni ha riportato una lesione alla colonna vertebrale che l’ha reso paraplegico. Ha iniziato a lavorare fin da subito come impiegato tecnico, vive da solo e la sua vita sulla carrozzina non gli impedisce di coltivare i suoi hobby, come viaggiare, suonare la chitarra, la fotografia, leggere e soprattutto fare sport, come le corse in carrozzina, palestra, nuoto. Con orgoglio è anche ambasciatore e volontario Dynamo Camp. Photo Credit: Tiliaventum

In un tuo recente post su Instagram hai dichiarato: “Happiness is a state of mind”. Cosa ti rende oggi realmente felice?

Scoprire cose nuove mi dà felicità: un uomo che si accontenta è un uomo felice. Tutto va apprezzato al massimo in ogni secondo. La felicità è quella cosa che ti emoziona e ti riempie il cuore. Aiutare il prossimo mi rende felice, aiutare Dynamo Camp mi rende felice: fai felice gli altri, fai felice te stesso. Faccio ogni giorno qualcosa che mi rende felice, trovo il tempo per me stesso, la felicità dipende solamente da me. Se ti fa sorridere, ti emoziona, ti rende felice, concedigli il tuo tempo e le tue energie.

Hai avuto un incidente a 20 anni e ti sei ritrovato sulla sedia a rotelle. Ma, anche in una situazione così difficile, non ti sei mai arreso. Al contrario sei diventato un maratoneta e viaggiatore. Cosa ti ha dato la forza di ricominciare da zero e di guardare sempre avanti, senza mai lamentarti?

Il mio carattere. Ho sempre avuto la curiosità di vedere cosa riuscivo a fare e cosa non. Quando a 20 anni devi cancellare e riavvolgere il nastro per ricominciare, diventa tutto una scoperta. Viaggiare da solo mi ha portato gioia, sfide, stupore, una maggiore consapevolezza in me stesso. Ho conosciuto persone che mi hanno arricchito, ho ascoltato le loro storie e riso insieme a loro, condiviso parte del viaggio.

Quali sono oggi i tuoi progetti per il futuro?

Non abbiamo certezza del futuro, non ho progetti a lungo termine. Ho intrapreso da poco una nuova sfida con me stesso, la Vela su una barca accessibile messa a disposizione da Tiliaventum, che è un’associazione sportiva dilettantistica senza fini di lucro, che si prefigge una migliore diffusione delle discipline sportive d’acqua. E fin dalle prime uscite ho provato emozioni che voglio coltivare.

Omar Ciutto, 42 anni, in seguito di un incidente durante un allenamento di motocross, a 20 anni ha riportato una lesione alla colonna vertebrale che l’ha reso paraplegico. Ha iniziato a lavorare fin da subito come impiegato tecnico, vive da solo e la sua vita sulla carrozzina non gli impedisce di coltivare i suoi hobby, come viaggiare, suonare la chitarra, la fotografia, leggere e soprattutto fare sport, come le corse in carrozzina, palestra, nuoto. Con orgoglio è anche ambasciatore e volontario Dynamo Camp.

© RIPRODUZIONE RISERVATA