perché piedi piatti
Photo Credits: Shutterstock

Perché piedi piatti? Quando vediamo una persona camminare in maniera strana, magari come se facesse fatica o trascinasse i piedi, molto probabilmente il problema è da attribuirsi proprio a questa deformazione dell’arco plantare.

Piedi piatti: quando la causa è congenita

I piedi piatti sono una malformazione spesso congenita che si eredita da uno o da entrambi i genitori. Questa condizione si verifica quando l’arco plantare è parzialmente o del tutto assente: quando cioè la parte centrale del piede appoggia completamente al suolo. Questo comporta una distribuzione scorretta del peso corporeo sul piede. Col passar del tempo  possono sopraggiungere danni permanenti alle articolazioni, ai muscoli e ai tendini, nonché la compromissione dei legamenti.

Ecco perché piedi piatti non si notano subito: nei bambini l’arco plantare non è accentuato da subito anche a causa della presenza di uno strato di adipe che ne impedisce l’individuazione. Quando però questo problema non dipende da fattori genetici, la causa si deve andare a ricercare in diverse altre patologie.

perché piedi piatti
Photo Credits: Shutterstock

Perché piedi piatti: quando la causa non è congenita

Diverse patologie sono alla base dei piedi piatti: sovrappeso, obesità e diabete tra le prime cause; l’artrite reumatoide, che comporta deformazioni permanenti della struttura ossea.

Anche la gravidanza potrebbe dare luogo a una condizione di piedi piatti; ma transitoria perché dovuta alla ritenzione idrica e al gonfiore dei piedi, specie nelle ultime settimane di gestazione.

Tra le cause più gravi che possono comportare i piedi piatti abbiamo la distrofia muscolare, la spina bifida e tutta una serie di neuropatologie cerebrali che influiscono anche sulla postura.

La scelta delle calzature

Tra le cause principali di questo paramorfismo, l’utilizzo di calzature scadenti o inadeguate. Queste possono compromettere seriamente la salute del piede: mai indossare una scarpa sprovvista di plantare anatomico o incapace di sostenere le caviglie. Può, alle lunghe, deformare l’arco del piede rendendolo piatto e far sì che i malleoli ‘cedano’ irrimediabilmente verso l’interno. 

In presenza di piedi piatti bisogna quindi evitare scarpe quali: ballerine, espadrillas, infradito, calzature da tennis tipo Superga; inoltre tutti quei modelli che non abbiano all’interno un adeguato supporto plantare (che per alcune si può acquistare a parte ed inserire).

Trattamenti specifici

E’ consigliabile affrontare il problema affidandosi alle cure di un ortopedico. Dopo aver visionato la situazione valuterà il da farsi: Prescriverà, in base alla gravità della situazione:

  1. trattamenti di fisioterapia mirati a ridurre il problema attraverso tutta una serie di esercizi di camminata e di corsa;
  2. utilizzo di plantari ortopedici su misura;
  3. utilizzo di scarpe ortopediche (da acquistare in negozi specifici);
  4. prescrizione di una dieta dimagrante per chi ha i piedi piatti a causa del peso eccessivo o dell’obesità.

Quando tutti i tentativi fatti non danno risultati soddisfacenti, l’ortopedico può ricorrere alla risoluzione chirurgica di questa malformazione: una tecnica in grado di eliminare in maniera permanente il problema dei piedi piatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here