La cucina ideale è quella che ci ha colpito al cuore, ma deve essere anche comoda per cucinare. Ecco perché dobbiamo sapere come progettare una cucina.

La prima cosa da fare è chiedersi cosa si vuole fare con la propria cucina. Bisogna avere un’idea in testa oltre all’ambiente da arredare. Ecco dunque che ogni dettaglio, dal piano di lavoro al piano cottura, deve rispecchiare in un certo senso i nostri movimenti in cucina.

Come vorrebbe ogni «chef» che si rispetti, per cucinare bene tutti gli elementi devono essere progettati in modo funzionale. Ecco qualche suggerimento.

Come progettare una cucina: il piano di lavoro

Nella nostra cucina si devono creare delle zone per poter cucinare e preparare i cibi. Al piano di lavoro non possiamo proprio rinunciare. 

Ad esempio, vicino al lavandino abbiamo bisogno di lavare le verdure e quindi dovremo avere lì vicino un tagliere. L’ideale sarebbe riuscire a ricavare un’ampio spazio lineare di superficie, al fine di ottenere  massimo confort. 

come progettare una cucina
Credits @ stylezato_arcat

E anche se non possiamo disporre di uno spazio ampio, potremmo puntare su soluzioni diverse come ad esempio ripiani a ribalta o superfici scorrevoli.

La soluzione ideale, se gli spazi ce lo consentono, è  l’isola che può essere al tempo stesso piano di lavoro, tavolo, scrivania e anche divisorio. Si tratta di un unico elemento che riesce a creare convivialità e partecipazione in famiglia.

Come progettare una cucina: il piano cottura e il frigorifero

Nella cucina dovremo dividere bene le aree, avere ad esempio il frigo vicino ai fornelli per prendere più velocemente gli alimenti.

Nella scelta dei fornelli, la miglior soluzione sarebbe una combinazione di piastra ad induzione e fiamma. Questo peché per certi piatti l’induzione è perfetta mentre per altri la cottura riesce meglio con la fiamma.

Come progettare una cucina
Immagine Instagram @ gourmetconceito

Il frigorifero dovrebbe essere grande, non solo di design. Addirittura esistono dei modelli con scompartimenti che hanno temperature diversificate.

Come progettare una cucina: il lavello

La tendenza a scegliere un solo lavabo, perché magari vogliamo aggiungere la lavastoviglie. In realtà non è l’opzione migliore. La presenza del doppio lavabo, infatti, è fondamentale per poter lavorare comodamente.

Anche se l’ambiente non è molto grande esistono delle soluzioni, come per esempio un lavello ad angolo. Una vasca e mezzo è utilissima se la cucina è piccola.

Il lavello posizionato sotto alla finestra è un dettaglio da non tralasciare. È infatti importante avere una buona dose di luce naturale per cucinare bene.

Come progettare una cucina: le superfici

Altro dettaglio da non sottovalutare è la pulizia. La nostra cucina ideale si deve riuscire a pulire con facilità (per non impazzire e per non sciuparla nel tempo).

come progettare un cucina
Foto Instagram @ silvia_perrotta_progetti

Oltre all’estetica, prediligiamo anche la resistenza dei piani di lavoro e anche della struttura stessa della cucina, che dovrà durare molto tempo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here