Donne e sport. Il binomio appare “quasi” perfetto. Quasi, perché ancora problematico, dal momento che a praticare lo sport sono soprattutto i maschietti. E per il fatto che la donna, per diversi secoli, è rimasta vittima di un forte pregiudizio culturale. «Lo stereotipo sessuale, emozionale e psicologico – come ha scritto l’attivista statunitense Shirley Chisholm – comincia quando il dottore dice: È una femmina».

Ma oggi si conoscono le potenzialità offerte dall’attività sportiva. Eppure si combatte ancora per eliminare ogni forma di disparità, e qualunque sfumatura sessista anche nelle rappresentazioni sportive trasmesse dai media.

“Lo sport non ostacola la femminilità”, parola di Federica Pellegrini  

Donne e sport
Foto Getty Images

Una donna che ha dovuto lottare contro ogni forma di discriminazione è Federica Pellegrini, la nuotatrice italiana specializzata nello stile libero. La Pellegrini ha sempre desiderato di essere la prima a cimentarsi in attività “riservate ai maschi”. «Lo sport – ha dichiarato a più riprese l’atleta- non rappresenta un ostacolo per la femminilità. Certo, non si possono indossare i tacchi alti durante l’allenamento, ma fuori dalla vasca si riesce a liberare la parte femminile».

Donne e sport: un po’ di storia

In Grecia i giochi “Erei” (per omaggiare Era, la moglie di Zeus) erano attività agonistiche femminili rivolte alle giovani donne. Attraverso queste loro performances le donne dimostravano di essere pronte per sposarsi. 

Nella città di Sparta, invece, le femmine, esattamente come gli uomini, eseguivano le attività sportive e gli esercizi militari. Perché dovevano essere capaci di difendere la città quando i loro mariti, fratelli, e figli, erano in viaggio, o, ad esempio, perché impegnati a combattere in una guerra. 

Solo dal 1867, in Occidente, si gettano le basi per una nuova ginnastica educativa e per una disciplina di educazione fisica femminile.

Donne e sport, quando lo Sportswear è “cool”

Donne e sport
Foto: Getty Images

Donne e sport: quando l’abbigliamento sportivo fa tendenza. Perché si è ritagliato ormai uno spazio importante nel nostro guardaroba. E nella vita di tutti i giorni. I capi sportivi infatti da molti anni hanno sconvolto i principi della moda tradizionale.  Essere alla moda risulta davvero facile. Bisogna prestare particolare attenzione agli abbinamenti. E non aver timore di mostrare il proprio stile. Perché sempre più lo Sportswear è attento alla moda “più glamour”. I brand sportivi invitano infatti le donne a indossare capi con particolari femminili per creare “happy mood”.

E i look sono davvero meravigliosi e capaci di rispecchiare la personalità di ognuna. Senza rinunciare all’essenza dell’anima glam. Così accade che le calde felpe si realizzano con tessuti unici, le t-shirt si arricchiscono di dettagli e inserti meravigliosi per le donne. E ancora… i pantaloni da jogging very cool con una semplice camicia. Sono alcuni esempi di questa interessante rivisitazione dell’abbigliamento sportivo. 

 In conclusione, si può essere sempre-fashion, anche con una maglietta, un jeans, una camicia, dei leggings, o delle sneakers. Con qualcosa di comodo tout court. Tutto è possibile. E’ possibile essere femminile senza indossare abiti scomodi, tacchi alti, completi super-attillati, minigonne inguinali. O calze a rete. Basta, a volte, solamente una fantastica mise sportiva.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here