Alimenti afrodisiaci: quali sono le ultime tendenze?

Monica Micheli
Monica Micheli, esperta di cucina afrodisiaca e owner del sito. www.eroskitchen.com. Photo Credit: Lily Di Marco

Lo racconta Monica Micheli, esperta di cucina afrodisiaca e owner del sito www.eroskitchen.com

“La cucina afrodisiaca è una materia che lentamente sta guadagnando l’interesse di chef e consumatori, al di là dei banalissimi menù di San Valentino a base di fragole, champagne e cioccolato. Quindi la vera tendenza è la curiosità stessa di capire le dinamiche di questo affascinante mondo, che si muove tra fisiologia, suggestione, neuroscienze e nutrizione. Per quanto mi riguarda, negli ultimi mesi ho individuato alcuni ingredienti molto di moda che possono rientrare anche nel carrello della cucina afrodisiaca: parlo ad esempio di curcuma, carbone vegetale, miso, quinoa. Ma non solo. Nel corso dei miei eventi-spettacolo noto che incuriosiscono particolarmente alcuni ingredienti di uso alquanto comune, dei quali però ignoriamo le potenzialità afrodisiache. È il caso, ad esempio, del sedano, consumando il quale andiamo a solleticare le fantasie erotiche di chi ci circonda, grazie all’odore particolarmente sexy che emaniamo. Ma mi piace anche parlare delle virtù del cocomero, del coriandolo, della cicoria. I cibi afrodisiaci sono più numerosi di quanto si possa pensare e, se usati con cognizione di causa, sono alquanto efficaci. Questo a patto, ovviamente, di curare l’aspetto più importante della cucina afrodisiaca: la comunicazione. Non esistono, infatti, pozioni magiche e pratiche guide in cinque punti per sedurre con le ostriche. Saper parlare, destare l’interesse di chi abbiamo invitato a cena, anche illustrando ciò che si è scelto di proporre nel menù, è la scintilla che infiamma gli effetti degli ingredienti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA