“Il vino unisce e non c’è cosa più bella”

Emanuele Trono
Emanuele Trono, 28 anni, è laureato in Business and Management all’Università degli studi di Torino, ha frequentato i corsi di sommelier Ais e ha completato un Master in Italian Wine Culture presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Ha iniziato a lavorare al progetto Enoblogger nel novembre 2016, ha deciso di aprire il profilo perché voleva condividere con le persone la sua passione, facendogli vedere le bottiglie che degusta, le cantine che visita, i viaggi che fa e i ristoranti in cui va. Attualmente tutto e cresciuto ed è diventato a tutti gli effetti un imprenditore digitale: ha aperto Enodigital la prima agenzia di social media marketing specializzata per il mondo del vino, con la quale segue le cantine nel loro percorso di digitalizzazione

Come nasce la tua passione per il vino e per la tua professione?

La mia passione per il vino nasce durante il periodo dell’Università di Economia a Torino. Lavoravo in un locale e servivo il vino, mi intrigava, ma non ne sapevo davvero nulla. Allora decisi di iscrivermi a un corso di avvicinamento e li scoppiò l’amore. Da allora non mi sono più fermato e ho continuato a formarmi, prima con i corsi da sommelier Ais e poi con il master in “Italian Wine Culture” all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Il vino fa parte della mia vita e ora della mia professione. Una volta completato il master, avevo già aperto la pagina Enoblogger e molte persone avevano iniziato a seguirmi, cosi sono arrivate le prime richieste di collaborazione da parte delle aziende per raccontare i loro prodotti come influencer. Girando tanto, ho poi capito che c’era un gap di mercato nella comunicazione delle aziende cosi ho deciso di aiutarle e, insieme a mia sorella, abbiamo aperto Enodigital, la prima agenzia specializzata per il social media marketing nel settore vitivinicolo. Ora abbiamo tanti clienti in tutta Italia e li aiutiamo a raccontarsi on line, vederli crescere digitalmente e ottenere risultati è la cosa più bella che ci sia.

Qual è il senso di responsabilità che ti deriva dal fatto di avere così tanti follower

Ho una grande responsabilità. Per questo scelgo io quali collaborazioni accettare e quali no, non dico di sì a tutti, ma lavoro con aziende che promuovono la qualità e che fanno buoni prodotti. Le persone che mi seguono si fidano e si appassionano, quindi sono il più grande valore nel mio lavoro. Bisogna far capire loro che stiamo realmente consigliando qualcosa di valido se si vuole durare a lungo in questo mestiere.

Cosa ti rende realmente felice?

Amo la libertà, per me è fondamentale, quindi costruire qualcosa di mio e poter decidere per ultimo se fare una scelta oppure no. Poi passare il tempo con le persone che amo. In questa società super digitalizzata in cui abbiamo molti rapporti virtuali, si dà ancora più valore al contatto umano. Per questo anche sui social cerco di essere sempre disponibile con i ragazzi che mi seguono.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Ne ho molti, forse troppi. Sono in cantiere, quindi ora non posso svelare nulla, ma nei prossimi mesi vedrete. Senz’altro in questo momento è importante far crescere l’agenzia Enodigital in termini di qualità per poter essere sempre più utili ai nostri clienti.

Emanuele Trono, 28 anni, è laureato in Business and Management all’Università degli studi di Torino, ha frequentato i corsi di sommelier Ais e ha completato un Master in Italian Wine Culture all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Ha iniziato a lavorare al progetto Enoblogger nel novembre 2016: ha deciso di aprire il profilo perché voleva condividere con le persone la sua passione, facendogli vedere le bottiglie che degusta, le cantine che visita, i viaggi che fa e i ristoranti in cui va. È un ragazzo curioso, ama imparare cose nuove e mettersi alla prova costantemente. Come lo vedete sui social è, non ha filtri, non ha paura di farsi conoscere per quello che è. Ama il vino, se raccontato in chiave semplice e divertente, senza scendere nei troppi tecnicismi che lo rendono troppo serioso. Attualmente tutto e cresciuto ed è diventato a tutti gli effetti un imprenditore digitale: ha aperto Enodigital la prima agenzia di social media marketing specializzata per il mondo del vino, con la quale segue le cantine nel loro percorso di digitalizzazione. Ama poter lavorare nel mondo del vino che è la sua più grande passione perché non si smette mai di imparare e si conoscono persone uniche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA