“La scelta dev’essere guidata dalla passione”

Le Torte di Simona
Simona Galimberti nasce l’11 aprile del 1979 a Milano. La mamma le insegna l’arte di cucinare e di ospitare. La sorella per i 30 anni le regala il sito Le Torte di Simona.Non perde tempo e nel giro di 24 ore da questo meraviglioso regalo sceglie 4 torte su cui puntare e inizia il passaparola. Il lavoro aumenta, decidono allora di aprire una società e il loro laboratorio, offrendo anche servizi di catering. Da qui l’apertura della pagina Instagram, il suo blog e la rubrica fissa L’ABC della Pasticceria su La Cucina Italiana

La svolta nella tua vita è arrivata a 30 anni quando tua sorella decide di regalarti il sito “Le Torte di Simona” e nel giro di 24 ore carichi le prime 4 ricette di dolci sul blog. Come nasce la tua passione per la pasticceria?

La passione per la cucina, in generale, e per i dolci, in particolare, nasce fin da bambina.  Tutto inizia dalla mia golosità, dalla voglia di mangiare dolci buoni e dalla serenità che mi avvolgeva appena iniziavo a preparare un dolce, complice il dolce forno, un fornetto giocattolo degli anni ‘80, che già a 6 anni mi ha permesso di scoprire il piacere di preparare dolci. Ogni giorno chi mi segue sfata il mito che fare una torta sia difficile. Mia mamma, inoltre, era una cuoca fenomenale, ma non cucinava dolci e così credo di essermi ritagliata il mio spazio in quello che considero da sempre il cuore di una casa: la cucina. 

Il lavoro poi aumenta insieme alla popolarità, tanto che riesci a contagiare anche tua sorella. Decidete poi allora di aprire una società e il vostro primo laboratorio per poter offrire ai clienti un pacchetto completo di servizi, tra cui anche il catering. Quali sono oggi i vostri progetti per il futuro?

Milano, oltre ad essere la mia città, ha risposto con calore e fedeltà al mio progetto. Il nostro laboratorio si è evoluto e ha cambiato aspetto un po’ di volte nel corso di questi 11 anni. Oggi dobbiamo affrontare un nuovo modo di lavorare e, ancora una volta, cambiare qualcosa. Stiamo studiando un prodotto non deperibile che possa essere spedito in tutta Italia e arrivare così a tutti coloro che desiderano un prodotto di Le Torte di Simona. Stiamo rivedendo i prodotti più giusti da offrire in base alle diverse esigenze che si sono manifestate negli ultimi mesi e che cambieranno parte delle nostre abitudini. Riapriremo a settembre con delle piccole novità.

Sei anche autrice del tuo primo libro omonimo, che è molto particolare in quanto le ricette invece che essere mostrate tramite le classiche fotografie, sono descritte attraverso dei bellissimi disegni di Sonia Luce Possentini, una pittrice e illustratrice dal tratto poetico ed evocativo che nel 2017 ha vinto il premio rivista Andersen come miglior illustratore. Quali consigli vorresti dare a chi vuole fare della propria passione un lavoro?

La pubblicazione del mio primo libro è stato un momento magico. È una raccolta di 12 ricette felici che racchiudono la mia storia e il mio approccio alla pasticceria e che Sonia Maria Luce Possentini ha tradotto magistralmente in magnifici acquarelli. A chi vuole trasformare la propria passione in un lavoro posso solo fare un grande in bocca al lupo e suggerire di armarsi di pazienza e tanto controllo. Non è facile, è una scelta che va fatta sapendo che sarà un lavoro senza fine, senza orari e senza certezze. Il piccolo imprenditore si sente spesso abbandonato. Cambiano continuamente le regole, le mode e ti senti spesso solo, ma se il tuo cuore batte per quello che fai, ci sarà sempre un sorriso scolpito sul tuo viso, nonostante tu sia su una giostra continua in cui si alternano momenti complessi a giornate memorabili. La scelta dev’essere guidata dalla passione, da un prodotto o da un servizio di cui la società ha bisogno o voglia e da un piccolo patrimonio che consenta di fare delle scelte strategiche e non spaventarsi, almeno per il primo anno.

Simona Galimberti nasce l’11 aprile del 1979 a Milano. La mamma le insegna l’arte di cucinare e di ospitare. Si laurea in Cattolica in Scienze della Formazione e inizia a lavorare come consulente per grandi aziende come IBM e Nestlè. Un lavoro che le lasciava molto tempo libero, un bene per poter continuare a cucinare.  Frequenta un corso di pasticceria base alla scuola Alto Palato di Milano, la sera si tiene occupata così, ma il giorno le sembra ancora troppo libero. La sorella per i 30 anni le regala il sito Le Torte di Simona.Non perde tempo e nel giro di 24 ore da questo meraviglioso regalo sceglie 4 torte su cui puntare e inizia il passaparola. Il lavoro aumenta, decidono allora di aprire una società e il loro laboratorio, offrendo anche servizi di catering. Da qui l’apertura della pagina Instagram, il suo blog e la rubrica fissa L’ABC della Pasticceria su La Cucina Italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA