Malessere di stagione: 35 milioni di italiani ne risentono

Stanchezza, irritabilità, abulia. Sono solo alcuni dei "tipici" effetti del cambio di stagione sul nostro organismo. Ecco perché si verificano e come affrontarli.

Malessere di Stagione
Photo Courtesy Press Office

“Sarà la primavera“. Chissà quante volte abbiamo sentito questa risposta. E chissà quante volto abbiamo maledetto iil malessere di stagione. Ebbene, se la cosa vi è capitata spesso tranquillizzatevi pure, perché siete in buona compagnia. Una recente ricerca lanciata dall’Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane ha infatti evidenziato che oltre 35 milioni di nostri connazionali sono colpiti da malesseri o disturbi legati all’arrivo della nuova stagione.

Una stanchezza cronica. Un sonno più agitato e meno riposante. Uno stato di ansia leggera ma persistente. Una certa irritabilità anche di fronte a difficoltà futili o di poco conto. Sono questi gli effetti indesiderati più comuni legati all’arrivo della primavera.

Nel rispondere alle domande dei ricercatori, infatti, ben l’85% degli intervistati del campione compreso fra i 18 e i 70 anni, hanno affermato di avvertire qualche disturbi in questo delicato periodo. Con un “massimo” registrato di oltre il 90% del campione nella popolazione femminile appartenente alla fascia d’età compresa fra i 35 ed i 54 anni.

Malessere di stagione: mal comune mezzo gaudio?

Malessere di Stagione
Photo Courtesy Press Office

Mal comune mezzo gaudio? Forse non proprio. Anzi, piuttosto che consolarsi con poco, è forse meglio cercare di capire da dove deriva questo stato particolare del nostro corpo e come sia possibile tentare di ridurne gli effetti. Nei termini scientifici è spesso definita come SAD, acronimo che sta per Seasonal Affective Disorder, ovvero “sindrome del cambio di stagione“.

Le cause di questi stati passeggeri sono sostanzialmente metaboliche ed ormonali. Esse sono legate ad alcune sostanze all’interno del nostro organismo e che risentono delle differenze di temperatura che, in genere, ne disequilibra la presenza.

Per molti versi, dunque, si tratta di una condizione ampiamente fisiologica e legata al nostro “orologio biologico” il cui ritmo deve cambiare in funzione del cambio degli stimoli esterni.

Malessere di stagione: come affrontarla

Malessere di Stagione
Photo Courtesy Press Office

Affrontare i disturbi legati al cambio di stagione è cosa piuttosto semplice e facilmente risolvibile seguendo alcuni semplici consigli. Il movimento fisico e la scelta di passare più tempo all’aria aperta sono senza dubbio un primo elemento che aiuta il nostro corpo ad adattarsi meglio e più rapidamente alle mutate condizioni in cui si imbatte.

Anche l’alimentazione riveste un ruolo importante. Se infatti una dieta sana ed equilibrata è sempre, in ogni periodo dell’anno, una buona pratica da perseguire e capace di ridurre gli effetti di molti disturbi, in questo particolare periodo il calo di energie e di intensità devono essere contenuti attraverso la disponibilità di risorse supplementari.

La colazione, in questo senso, è un momento fondamentale della giornata. Consumare una buona colazione, senza saltarla o affrontarla frettolosamente, è un importante modo di iniziare la giornata assicurando all’organismo tutte gli elementi di cui ha bisogno per contrastare le sue difficoltà. Anche e soprattutto nei periodi in cui queste difficoltà sono accentuate dall’ambiente esterno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here