“Non è mai troppo tardi per cambiare rotta”

Silvia Goggi
Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in Scienza dell’Alimentazione entrambe con lode, Silvia Goggi si perfeziona frequentando il Master in Alimentazione e Dietetica Vegetariana dell’Università Politecnica delle Marche. Vive a Milano e si divide tra il lavoro in ospedale e in ambulatorio, la divulgazione sui social network e la cucina

A gennaio di quest’anno è uscito il suo nuovo libro “È facile diventare un po’ più vegano se sai come farlo”, edito da Rizzoli. Qual è l’idea alla base di questo libro? Con quale obiettivo l’ha scritto?

Sono tanti anni che mi occupo di avvicinare le persone che lo desiderano a un’alimentazione in parte o completamente vegetale e che mi capita di parlare del tema a un pubblico di addetti ai lavori e non. Mi sono scontrata più volte sia con gli stereotipi (è manchevole di qualche nutriente, difficile da seguire) sia con le paure che aleggiano intorno a questo tipo di scelta (ingrasserò/dimagrirò, dovrò prendere tanti integratori, sarà difficile uscire con gli amici). Il libro ha, quindi, un duplice scopo: quello di aiutare le persone che vogliono, passo dopo passo, a intraprendere questa strada in modo sereno, ma anche quello di spiegare con calma e pacatezza, senza ergersi su nessun piedistallo e senza giudicare, le ragioni di salute, etiche ed ecologiche che portano i vegani a fare questa scelta.

Sul suo sito ha scritto: “L’alimentazione a base vegetale è il metodo più efficace di cui disponiamo per la prevenzione e il trattamento delle patologie cronico-degenerative. Ogni pasto è un’occasione per scegliere di rimanere in salute”. Ce ne può parlare?

Mangiare è uno dei piaceri della vita, nonché un atto necessario alla nostra sopravvivenza. Quello a cui non tutti pensano, però, è che quello che mettiamo nel piatto a parità di energia ingerita può farci fare un passo nella direzione della salute o della malattia, e gli effetti delle nostre scelte per cinque volte al giorno per anni e anni possono poi vedersi a 40, 50 o 60 anni. Mettiamo nel piatto fibre o colesterolo? Grassi saturi o insaturi? Inquinanti ambientali e cancerogeni oppure antiossidanti e sostanze fitochimiche protettive? La nostra salute è (non del tutto ovviamente, ma in gran parte) frutto del nostro stile di vita, e quindi anche dalle nostre scelte a tavola. La bella notizia è che non è mai troppo tardi per cambiare rotta! Una dieta vegetale può aiutare a invertire il decorso di patologie date dal cibo sbagliato (ipertensione arteriosa, diabete mellito di tipo 2, dislipidemia, cardiopatia ischemica) a qualunque età la si inizi.

Quali sono i consigli che vuole rivolgere a una persona che vuole avvicinarsi a una alimentazione a base vegetale?

Prendete coscienza della vostra dieta attuale “onnivora”: prevede i legumi almeno una volta al giorno e cereali integrali a ogni pasto principale? Consumate sufficienti quantità di frutta e verdura? Introducete ogni giorno una piccola quota di frutta secca e di semi oleosi? Se la risposta è sì sarà facilissimo passare ad un’alimentazione vegetale. Se la risposta invece è no, prima di togliere preoccupatevi di aggiungere gli alimenti vegetali che saranno alla base della vostra alimentazione. Appena prenderete il ritmo sarete pronti a passare ad un’alimentazione vegetale! Da che iniziate a compiere il passaggio, ricordate di integrare la vitamina B12 da un integratore sublinguale.

Quali sono i falsi miti sull’alimentazione vegana?

Il grandissimo equivoco è quello secondo il quale solo per il fatto che mancano alimenti manchino anche nutrienti e sia quindi una dieta incompleta. Una volta integrata la vitamina B12 (che gli animali negli allevamenti intensivi integrano a loro volta, è bene ricordarlo) tutti i nutrienti sono presenti nei vegetali e mangiando tutti i gruppi alimentari nella giornata in modo vario (cereali, legumi, frutta secca e semi oleosi, verdure e frutta) non c’è nulla di cui preoccuparsi.

Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia e la specializzazione in Scienza dell’Alimentazione entrambe con lode, Silvia Goggi si perfeziona frequentando il Master in Alimentazione e Dietetica Vegetariana dell’Università Politecnica delle Marche. Vive a Milano e si divide tra il lavoro in ospedale e in ambulatorio, la divulgazione sui social network e la cucina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA