Star bene con il cibo

Sandra Ciaramitaro, biologa e nutrizionista, ci spiega come “mangiare sano sia la prima forma di prevenzione e la prima cura che possiamo regalarci per mantenerci in salute”. In tutte le stagioni, quindi anche in inverno, è il momento g02iusto per intraprendere un percorso per restare o tornare in forma, ma soprattutto “in salute”

Qual è la sua opinione sull’inserimento della frutta secca come spuntino a metà mattina o a metà pomeriggio?

Non posso che avere una buona opinione, perché lo consiglio quasi sempre ai miei pazienti e io stesso tengo in borsa e in studio un piccolo contenitore con mandorle, noci, nocciole. C’è una grande differenza sul metabolismo fra consumare un dolcetto ricco in zuccheri e una piccola porzione di frutta secca. L’apporto calorico potrà essere simile, ma ben differente l’azione sul profilo glicemico e di conseguenza sull’appetito. Ovviamente senza esagerare: sono un’ottima fonte di omega 3 dal potere antinfiammatorio, minerali, fibre e vitamine – B ed E in primis.

Ci sono tecniche da privilegiare per cucinare in modo sano e dietetico?

Difficile determinare quale tipo di tecnica utilizzare perché ogni cottura deve essere valutata in funzione di ciò che desideriamo cucinare. Una cottura sana e dietetica, a prescindere dalla tecnica di cottura è quella che preserva i nutrienti e che non genera sostanze nocive. Piccoli esempi…la cottura di ortaggi a vapore è sopravvalutata poiché il calore penetrante del vapore elimina gran parte delle vitamine termolabili. La cottura alla griglia è sana a patto che non bruciamo gli alimenti perché in tal modo produciamo sostanze cancerogene. Anche la cottura in padella a fiamma vivace è una tecnica ideale per preservare il gusto e le proprietà nutrizionali, ovviamente anche in questo caso, poniamo attenzione a non bruciare gli alimenti e a non eccedere con i grassi. Quindi pentola a pressione, cartoccio, stufato, forno, vaso-cottura e altri metodi, sono tutti validi adottando le giuste accortezze. Inoltre la tecnologia ci aiuta a mangiare sano anche chi ha poco tempo da dedicare alla preparazione di cibi sani con modelli di slowcooker programmabili che permettono cotture sane, lente, in modo da preservare le proprietà nutrizionali.

Quali sono le cattive abitudini alimentari che dobbiamo assolutamente evitare?

Potrei rispondere facilmente con risposte piuttosto scontate: evitare di “compensare emotività” con il cibo, non fare sport, evitare confort food, privazioni assolute per 2- 3 giorni, che ci portano inevitabilmente a mangiare di più dopo, bere bibite zuccherate e fare la spesa quando si è affamati. Credo invece che la prima cosa da evitare sia l’abitudine di non riflettere sull’evidenza che “mangiare sano è la prima forma di prevenzione”. La prima cura che possiamo regalarci tutto l’anno, per mantenerci in salute. Mangiare sano e ritagliarci anche solo venti minuti al giorno di attività fisica. In un contesto così, quando per 365 giorni l’anno mangiamo cibo “vero”, cucinato in modo semplice ma sano, il classico ”sgarro”, il dolcetto della domenica, una brioche con la collega al mattino, una buona pizza al sabato, non saranno mai quello che altererà il nostro equilibrio fisico e mentale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA