montagna cosa mangiare
Photo Credits: Pixabay.com

In alta quota la nostra alimentazione dovrebbe essere molto equilibrata e adatta al tipo di attività che svolgiamo. Scopriamo in montagna cosa mangiare se facciamo sport. 

Ad altitudini sopra i 3 mila metri, l’alimentazione non dovrebbe essere troppo pesante e calorica, anche se facciamo lunghe escursioni. 

Infatti, contrariamente a quanto si pensa, la dieta di chi fa attività fisica deve essere qualitativamente simile a quella del sedentario. Però, la nostra alimentazione, specialmente in montagna deve assicurare la maggiore quantità di energia necessaria a sostenere una spesa maggiore di energie.

I trekking durano molte ore e di solito si comincia con una buona colazione, si arriva in vetta, si mangia in rifugio o al sacco e si discende nel primo pomeriggio.

Se la camminata è più breve,  si sostitusice al pranzo uno spuntino e si rimanda il pasto princiaple una volta scesi in valle.

Montagna cosa mangiare se facciamo trekking

Come abbiamo detto, la dieta in montagna dovrebbe essere prima di tutto energetica.

Si possono includere principalmente carboidrati come pane, fette biscottate, riso, frutta, verdura e cereali. 

montagna cosa mangiare
ECredits Getty Images

Questi cibi infatti forniscono energia immediata all’organismo e si digeriscono facilmente. L’organismo, durante gli sforzi prolungati, come nel corso di un trekking in montagna, utilizza prima gli zuccheri e poi dopo un po’ di tempo inizia ad utilizzare i grassi di riserva.

Ecco la dieta da seguire in montagna.

La colazione

Iniziamo la nostra giornata in alta quota con una tazzina di caffè, una tazza di latte oppure dello  yogurt, con fette biscottate o cereali o pane con burro e un pò di marmellata.

Possiamo anche bere una spremuta o mangiare un frutto in aggiunta.

Se la nostra camminata in montagna non è impegnativa e dura poche ore, non avremo bisogno di snack a metà mattinata.

Altrimenti è consigliabile portarsi nello zainetto uno spuntino, come frutta disidratata, fichi o albicocche e barrette a base di miele e cereali.

Il pranzo

In montagna cosa mangiare al termine della scalata? Quando ci fermeremo in alta quota, potremo pranzare.

Il classico panino va benissimo,  ma deve rispettare le caratteristiche di digeribilità, per cui lo possiamo farcire con del prosciutto magro o della bresaola.

Possiamo anche aggiungere un pò di grana e a seguire un frutto, un dolce e caffè. 

Se pranziamo in rifugio, il consiglio è evitare alcuni cibi che potrebbero rallentare la digestione. Il menù tipico da montagna – polenta con carne, affettati, pasta ben condita, formaggi e dolci – non è proprio indicato.

Evitiamo di mangiare la frittata (anche se il piatto uova con speck e patate ci fa gola) oppure brasati e stufati. La carne cotta a lungo è più difficile da digerire. 

Anche i primi troppo conditi andrebbero evitati. Sì invece a pasta o riso al pomodoro o una minestra, seguito da una porzione di carne magra, con pane, frutta e caffè.

La cena

A cena invece possiamo concederci qualcosa di più sostanzioso per recuperare forze ed energie.

montagna cosa mangiare
Foto Getty Images

Possiamo concederci un primo piatto caldo come riso, pasta, polenta, o minestrone.

Per secondo scegliamo tra carne, uova o anche pesce, un’insalata o un contorno di verdure cotte. Per finire mangiamo della frutta fresca e magari un dolcino per concludere con gioia.

Un consiglio: durante il giorno ricordiamoci di reintegrare liquidi bevendo l’acqua. Non è necessario aggiungere integratori salini.

 

Photo Credits: Getty Images e Pixabay.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here