Quando Brad Pitt difese Gwyneth Paltrow da Weinstein: tutti i retroscena

Ecco cosa accadde quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein.

Quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein
Foto Getty Images

Continuano i retroscena sullo scandalo più scottante di Hollywood: ecco cosa accadde quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein.

Molestie a Hollywood – il caso Weinstein 

E’ stata Asia Argento a raccontare per prima delle molestie e dei ricatti sessuali subiti da Harvey Weinstein: quando l’attrice aveva 21 anni il co-fondatore della Miramax e della Weinstein Company la costrinse a subire un rapporto orale in una stanza d’albergo, esperienza che la segnò tantissimo. Dopo queste dichiarazioni, risalenti più o meno all’ottobre dello scorso anno, tantissime attrici denunciarono le molestie subite da Weinstein: tra le più famose che seguirono le orme di Asia Argento, Angelina Jolie, Ashley Judd, Rose McGowan e Gwyneth Paltrow. Era iniziato il sex-gate più scottante della storia di Hollywood.

Gwyneth Paltrow: molestie a inizio carriera

Quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein
Gwyneth Paltrow con Harvey Weinstein nell’ottobre 2002 – Foto Getty Images

Gwyneth Paltrow è stata una delle prime attrici a raccontare le molestie sessuali subite da Harvey Weinstein all’inizio della sua carriera. Figlia del regista Bruce Paltrow e dell’attrice Blythe Danner, iniziò a muovere i primi passi nel mondo dello spettacolo poco più che adolescente. L’episodio risale a quando la Paltrow venne scritturata per il film ‘Emma’, dal romanzo di Jane Austen. A quell’epoca aveva solo 22 anni: non ancora famosa, era però salita alla ribalta delle cronache per la sua storia d’amore con Brad Pitt.

Quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein, il produttore seguì con lei la stessa ‘procedura’ che aveva avuto con tante altre giovani aspiranti star. Convocò l’attrice per un colloquio conoscitivo presso la sua suite al Peninsula Beverly Hills Hotel. Ma quella che era iniziata come una semplice riunione di lavoro si trasformò ben presto in un incubo per la giovane e bella Gwyneth. Weinstein la prese per mano, cercò di attirarla nella sua camera da letto e le chiese di farle un massaggio. La Paltrow riuscì a divincolarsi e a scappare, e raccontò subito l’accaduto a Pitt.

Quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein
Brad Pitt e Gwyneth Paltrow – Foto Getty Images

Era il maggio del 1995 quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein: la coppia era andata a Broadway per assistere all’Amleto con Ralph Fiennes come protagonista. Anche Weinstein era lì per lo stesso motivo. Senza tanta esitazione Brad lo avvicinò, lo spinse in malo modo contro il muro e gli disse: “Se lo rifai ti uccido!”. La Paltrow ricorda con piacere ed orgoglio questo episodio. Lei stessa ha dichiarato di recente di Brad, allora molto più famoso di lei: “E’ stato fantastico, mi ha difeso usando la sua notorietà quando ancora non ero nessuno”.

 

 

Gwyneth e le altre: il coraggio di dire la verità.

Dopo l’accaduto la Paltrow fu più volte minacciata dal produttore affinché non rivelasse nulla. Gwyneth, che era rimasta molto traumatizzata da quella brutta esperienza, non ne parlò per molto tempo temendo non la facesse più lavorare. Molte attrici che avevano rifiutato le avance di Weinstein infatti videro la loro carriera seriamente compromessa. Una di queste è Ashley Judd, che di recente ha deciso di chiedergli un cospicuo risarcimento. A Salma Hayek, un’altra che disse ‘no’, Weinstein boicottò in tutti i modi il film ‘Frida’, di cui l’attrice messicana era protagonista e produttrice. 

Sono passati più di vent’anni da quando Pitt difese la Paltrow da Weinstein. Ora che, tutte insieme, hanno trovato il coraggio di parlare, nessuna star ha più paura di quello che può succedere. Nessuna teme più per la propria carriera. Weinstein sta avendo quel che si merita: e noi, esprimendo piena solidarietà a tutte le attrici molestate, possiamo dire che Hollywood, finalmente, è diventato un posto migliore.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here