Scoprire la resilienza nella vita quotidiana

Resilienza
Foto di klimkin da Pixabay

La parola a Elena Malaguti, pedagogista, psicologa, psicoterapeuta e docente di didattica e pedagogia speciale, nel Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna

“Non esiste un elenco di strategie ma molti ingredienti, volendo utilizzare un linguaggio molto semplificato. Uno di essi consiste nell’acquisire sempre maggior consapevolezza della non linearità dei percorsi umani perché essi sono caratterizzati, per tutti e per ciascuno, da momenti di crisi, rotture, interruzioni, fatiche. Un altro è quello di impegnarsi a conoscere coloro che si trovano in una condizione transitoria o permanente di difficoltà, per contribuire a sostenere un processo di miglioramento della qualità di vita anche attraverso piccoli gesti quotidiani (una telefonata, un sorriso, un saluto, un messaggio) che permettano all’altro di sentirsi riconosciuto e meno solo o sola. Un altro ingrediente è quello di avviare progetti e percorsi che permettano di riconoscere la crisi ma anche le strategie che ne permetterebbero una ripresa individuale, umana e collettiva assumendo comportamenti responsabili come ad esempio svolgere con impegno, serietà, professionalità, coerenza e cortesia il proprio lavoro o ancora prendendo le distanze e denunciando comportamenti di violenza, di diseguaglianza e di abuso. Infine, non potendo dilungarmi, suggerisco all’inizio di ogni giorno di svegliarsi dandosi e dando il buon giorno, per iniziare la giornata con fiducia, terminandola con la buona notte cercando di trovare almeno un elemento positivo e interessante che ha caratterizzato la nostra giornata”.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA