Luoghi da fiaba: Civita di Bagnoregio nel Lazio

Civita di Bagnoregio
Foto di zequino da Pixabay

Famosa per essere conosciuta come “la città che muore”, nome che le è stato assegnato per il rischio di una sua scomparsa causata dalle frane e dall’erosione, è situata in provincia di Viterbo, al confine con l’Umbria, è arroccata su una rupe ed è raggiungibile a piedi, percorrendo un ponte, costruito nel 1965 in cemento armato. Da vedere assolutamente sono sicuramente la Porta di Santa Maria o Porta della Cava, addobbata con una coppia di leoni che tra gli artigli hanno una testa umana e unico accesso al borgo medievale, la Grotta di San Bonaventura, i vicoli, gli scorci e le abitazioni del centro storico, il Belvedere e i palazzi dei Colesanti, dei Bocca e degli Alemanni. Sicuramente da visitare sono i dintorni con alcuni luoghi imperdibili come Bolsena, Orvieto e il Pozzo di San Patrizio e il Parco dei Mostri di Bomarzo. Per chi vuole andare alla scoperta di percorsi enogastronomici, una tappa è d’obbligo per assaggiare la polenta di farro e tartufo, trippa alla romana e le penne al mascarpone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA