Disegnavo, cucivo e immaginavo vestiti fin da bambina

Martina Cella
Martina Cella nasce a Tolmezzo l’8 settembre 1992 e affascinata dal mondo della moda fin da piccola. Il suo passatempo preferito era riempire intere pagine bianche di disegni. Crescendo, con l’aiuto di ago e filo, abiti e accessori prendevano vita quando Martina modellava gli scampoli di tessuti trovati per casa. Oggi può finalmente affermare di aver coronato il sogno più grande, quello di lanciare il suo marchio indirizzato ad una donna fresca, giovane e moderna che vuole estraniarsi dalle mode passeggere indossando capi riconoscibili che ne definiscono lo stile

Quali sono le peculiarità del tuo brand?

Il brand “martinacella” è stato ideato con l’intenzione di racchiudere influenze e ispirazioni multietniche, all’interno dei capi d’abbigliamento che vanno a comporre ogni collezione. Viaggi, esperienze nuove e già percorse, incontri con la tradizione di terre diverse, sono tutti elementi che mescolati a linee moderne, dinamiche e quasi mai ordinarie, plasmano la silhouette attraverso ogni capo indossato. “martinacella” si può definire un brand “Made in Italy”, prodotto in Italia ma pensato nel mondo. Ed è proprio questo il principio che più mi stimola a creare nuovi abbinamenti di colori, forme, profumi, materiali, vissuti e sensazioni.

Come nasce la tua passione per la tua professione?

Disegnavo, cucivo e immaginavo vestiti fin da piccola. Conservo ancora i disegni delle elementari e medie in cui tra amiche ci davamo i voti, insomma il mondo della moda mi appassionava fin dall’infanzia, così ho deciso di frequentare il Liceo Artistico “G.Sello” di Udine e specializzarmi in fashion design all’Istituto Marangoni di Milano. In quegli anni vinsi “Next Generation”, un concorso indetto da Camera Nazionale della Moda Italiana ed ebbi l’opportunità di approdare nel vero modo della moda presentando la mia prima collezione alla Milano fashion week. Da li nacque l’idea di creare “martinacella”.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
Momentaneamente ho deciso di prendermi una pausa con il brand e fermarmi per qualche stagione. Continuo a collaborare con stylist e fotografi attraverso le collezioni che già ho a disposizione. Prima di “mettere al mondo” una nuova collezione, vorrei concentrarmi su ciò che già ho, analizzare ciò che fino ad ora ho costruito, comprendere ed identificare i passi falsi e quelli che invece hanno bisogno di un’ulteriore spinta. Soprattutto vorrei capire se il mercato è davvero pronto ad accogliere gli “emergenti”, se davvero c’è spazio per le novità e per i “piccoli” che vogliono crescere, se dopo tanto impegno e dedizione, c’è ancora speranza per il lavoro che vorrei.

Martina Cella nasce a Tolmezzo l’8 settembre 1992 ed affascinata dal mondo della moda fin da piccola. Il suo passatempo preferito era riempire intere pagine bianche di disegni. Crescendo, con l’aiuto di ago e filo, abiti e accessori prendevano vita quando Martina modellava gli scampoli di tessuti trovati per casa. Si trasferisce quindi a Milano dove studia Fashion Design. Grazie alla full immersion presso l’Istituto Marangoni, Martina affina la sua passione per la modellistica, elaborando una personale tecnica di costruzione dei capi. Non ultimo per importanza è il traguardo raggiunto nel febbraio 2014 che la vede presente con una sfilata di dodici uscite sulle passerelle della fashion week di Milano, come una dei quattro vincitori del concorso “Next Generation 2014” indetto da Camera Nazionale della Moda. Ispirazione e stile personale coniugati ai corsi brevi di rinomate scuole quali il College Central Saint Martins di Londra completano il suo percorso formativo ed artistico; allo stesso tempo non mancano le esperienze lavorative, Martina termina gli studi e presto collabora con diversi brand ed atelier. Oggi può finalmente affermare di aver coronato il sogno più grande, quello di lanciare il suo marchio indirizzato ad una donna fresca, giovane e moderna che vuole estraniarsi dalle mode passeggere indossando capi riconoscibili che ne definiscono lo stile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA