Fai il primo passo con le tue nuove scarpe oggi, conquista il mondo domani

Scarpe, Moda
Elisa Castellari, originaria di Verona, ma residente a Milano da quando ha 19 anni, è ceo e designer di MyChalom

Come, quando e perché nasce il progetto My Chalom?

MyChalom è stato fondato nel giugno 2018 con l’obiettivo di creare un brand in grado di unire uno stile contemporaneo all’antica manualità del Bel Paese. Le donne per cui disegnamo scarpe sono raffinate, ma decise, coraggiose e dinamiche, esattamente come le nostre calzature. Il dna del brand si nasconde in un femminismo radicato nel cuore della nostra società. Non si tratta solo dei prodotti che offriamo, ma di una mentalità che vogliamo condividere con le donne di tutto il mondo. Una mentalità che richiama, autorizza e consente a tutte noi di vivere la vita facendo ciò che amiamo, con le persone che amiamo. Il brand è stato venduto fino a ora online, questo ha reso possibile un contatto diretto con le nostre clienti e uno studio dei gusti e desideri delle Donne che si sono avvicinate al brand. L’obiettivo di MyChalom è quello di invertire il modello di business usuale nel mondo della calzatura: centralizzare il cliente al posto del prodotto; coprire il gap esistente tra brand e cliente finale focalizzandosi sull’engagement e non sulla vendita. Mi piace definire MyChalom una società tanto fashion quanto tech, abbiamo tantissime novità che ci permetteranno di avvicinarci ancora di più al cliente e offrire ai nostro follower la miglior shopping experience possibile. Per facilitare la reperibilità del prodotto, inoltre, da quest’anno sarà possibile acquistare le nostre calzature e accessori presso diverse boutique in Italia ed Europa.

Quali erano i tuoi sogni da bambina? Sei diventata la donna che volevi essere?

Sogna in grande, dicono. Beh, a me non hanno mai avuto bisogno di dirlo, per la verità. Sin da piccola sogni e idee riempivano le mie giornate: a livello lavorativo non avevo un sogno specifico, ma desideravo semplicemente fare qualcosa che mi rendesse indipendente e potesse dare libero sfogo alla mia creatività. Entusiasmo, intraprendenza e determinazione contraddistinguono la donna che sono oggi. Sono soddisfatta di chi sono diventata e di quello che faccio ma allo stesso tempo penso che la strada sia ancora lunga, non smetto di lottare per costruire il mio futuro con determinazione e profonda passione.

Quali sono oggi i tuoi sogni nel cassetto che vuoi realizzare?

Lo sviluppo di MyChalom e il compimento degli obiettivi sopra accennati: sicuramente uno dei miei sogni nel cassetto è la realizzazione di una famiglia tutta mia. I miei genitori mi hanno cresciuta con ideali molto radicati: famiglia prima di tutto. Si sente parlare ancora troppo spesso, a parer mio, di mancanza di possibilità in Italia di realizzarsi nell’ambito lavorativo e allo stesso tempo personale per una donna. Fortunatamente ho avuto incredibili esempi di donne imprenditrici e mamme; probabilmente i loro figli non sarebbero cosi felici se le loro mamme non stessero realizzando i propri sogni e, allo stesso tempo, i loro business forse non sarebbero così fiorenti senza il supporto e l’amore che una Famiglia ti può regalare.

Elisa Castellari, originaria di Verona, ma residente a Milano da quando ha 19 anni, è ceo e designer di MyChalom. Il suo primo amore per le scarpe è nato con la sua prima esperienza lavorativa nel gruppo LVMH, durante l’università dove si stava laureando in Finanza. Dopo 3 anni di collaborazione nello showroom di Milano e una stagione Parigi, si è resa conto che lavorare in banca non sarebbe stato il suo futuro. Ha iniziato a lavorare per uno showroom multibrand di Milano e spesso viaggiava nella regione Marche per studiare nuove collezioni e scoprire ogni fase della produzione della scarpa. Ha scoperto uno dei più grandi distretti produttivi e si è innamorata del processo di fabbricazione delle scarpe. Casualmente, durante un viaggio a Tel Aviv, ispirata dai colori e dalla vivacità della città, ha deciso di lanciare il brand di calzature MyChalom.

© RIPRODUZIONE RISERVATA