“Per una costruzione dei capi lenta, intima e familiare”

Andrea Francardo
Andrea Francardo, designer di origini torinesi, classe 1980, ha creato il brand Nasco Unico

Com’è nato il progetto del brand Nasco Unico?

Nasco nasce nel 2016. Dopo una fortissima delusione lavorativa a livello umano. Stanca di non appartenere al settore moda, ho sempre faticato a inserirmi in un contesto che non stimavo, ma dall’altro lato una fortissima passione per il mestiere, per la manualità, per i tessuti e per il nostro amato made in Italy. Follemente, con la nascita del secondo figlio, decisi di rallentare e dedicarmi a quello che da tempo progettavo. Un marchio che riutilizzasse cose esistenti…e che avesse un basso impatto sul pianeta, che mettesse in luce la diversità, che fosse gentile, che creasse del bello e che coinvolgesse una comunita di persone autentiche.

Quali sono le sue caratteristiche?

Riutilizza materiali fermi, non produce campionari, lavora sull’identità e diversità di ogni singolo cliente, è lento, è prodotto  a km 0 a Torino,  veste donne che lavorano e comunica autenticità.

Quali sono le ultime novità?

Abbiamo fatto una giacca vestito. Utilizziamo pesi sempre più leggeri. Abbiamo realizzato i primi pezzi unici da uomo e realizzato gilet.

Quali sono i progetti per il futuro?

Stiamo ripensando al nostro spazio e, a breve, inizieremo i lavori. Disegneremo un e-commerce e stiamo progettando un corto.

Andrea Francardo, designer di origini torinesi, classe 1980, ha creato il brand Nasco Unico. Giacche handmade 100% sostenibili, interamente costumizzate dal cliente. Si cerca all’interno di una vasta collezione di tessuti di recupero di pregio, il preferito. La costruzione del capo è un’esperienza lenta, intima e familiare che dedica attenzione al minimo dettaglio: al bottone antico, passamaneria di recupero, etichetta in seta riciclata, fodera interna. Ogni blazer Nasco è dunque Unico. La personalizzazione dei capi rappresenta il rifiuto di tendenze e stagionalità e si fonda, anzi, sull’individualità del cliente e sul suo “talento”: ciò che lo rende straordinario e ineguagliabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA