“Credo che ognuno di noi abbia bisogno di sentirsi rappresentato”

Symo
Cantautrice pop e R&B, Symo nasce a Roma nel 1991 da madre italo-etiope e padre italo-eritreo. Il sound di Symo è caratterizzato da sonorità in cui la melodia italiana si unisce al mondo dell’elettronica e dell’R&B. Attualmente è molto attiva sul web, con la pubblicazione di video in cui reinterpreta grandi successi italiani e internazionali e continua il suo percorso da cantautrice, lavorando alla scrittura e alla composizione di nuovi brani

Da martedì 28 aprile, è in radio e disponibile sulle piattaforme digitali il tuo nuovo singolo “Non so se ci sarai”, in distribuzione da parte di Artist First. Scritto e da te, con beat a cura di SS6 produzioni, il brano è una ballad R&B, genere che da sempre rappresenta la tua principale fonte di ispirazione, che racconta le paure e le insicurezze che si provano quando, anche davanti a un sentimento molto forte, si comprende che il “per sempre” non è destinato a quel momento. Puoi parlarcene?

È una storia dʼamore nata sotto il cielo di Roma. L’ho scritta in un momento della mia vita in cui ero molto innamorata e ho voluto un po’ descrivere come mi sentivo, con tutti i miei dubbi e le mie paure.

Questo singolo, che apre un nuovo capitolo nella tua vita artistica, arriva dopo il successo dell’#Africachallenge, da te lanciata su TikTok. Sulle note del tuo brano “Africa”, hai invitato la community a reinterpretare con vari video, il messaggio della canzone, un afrobeat che affronta il tema degli stereotipi con cui convivono le donne che hanno caratteristiche fisiche diverse donate dalle proprie origini, in questo caso in particolare origini africane. La challenge è stata molto seguita: ha raggiunto più di 170mila visualizzazioni. Come mai ha scelto di proporre questo progetto? Quali feedback hai ricevuto?

“Africa” è un brano che ho scritto circa 4 anni fa, mentre la challenge su TikTok è nata per gioco: molte persone si sono sentite rappresentate dalle parole della canzone, ecco perché è stata molto condivisa. Credo che ognuno di noi abbia il bisogno di sentirsi rappresentato, ecco perché quando gli artisti lo fanno, il messaggio viene recepito. Bisogna raccontare sé stessi e di conseguenza il pubblico si riconosce in ciò che uno dice. “Africa” piace ancora oggi perché una canzone diretta e chiara. 

Quali sono oggi i tuoi progetti per il futuro?

Al momento non ho dei piani precisi, ho diverse idee ma vivo giorno per giorno, anche data la situazione attuale. Anzi, questo momento può essere proficuo per mettere le basi per progetti che potrebbero concretizzarsi in futuro.

Cantautrice pop e R&B, Symo nasce a Roma nel 1991 da madre italo-etiope e padre italo-eritreo. Comincia a 14 anni la sua gavetta canora all’interno della scena urban romana collaborando con il duo rap La Squadra e ha modo di sviluppare la sua creatività al fianco del dj e produttore romano Francesco Cucchi, in arte Nan Kolè. Tra il 2016 e il 2019 pubblica i singoli “Spazi vuoti”, “Africa”, “Prototipo” e “Come se fosse un sogno”, tutti prodotti da Nan Kolè. Concorrente di Sanremo Giovani 2018 con il brano “Paura di amare”, ha anche partecipato alle tappe romane del 2017 e del 2019 del tour di Antonello Venditti, esibendosi sulle note di “Sora Rosa” e “L’amore non ha padroni”. Il sound di Symo è caratterizzato da sonorità in cui la melodia italiana si unisce al mondo dell’elettronica e dell’R&B. Attualmente è molto attiva sul web, con la pubblicazione di video in cui reinterpreta grandi successi italiani e internazionali e continua il suo percorso da cantautrice, lavorando alla scrittura e alla composizione di nuovi brani.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA