Lady Oscar è la vostra icona femminista badass e rivoluzionaria

La Rosa di Versailles può pungere eccome, il personaggio ideato da Ryoko Ikeda è un'icona per moltissime donne per il suo essere femminile e badass

Per molte il 14 luglio non è la data della Presa della Bastiglia, ma è l’anniversario della morte della propria icona: Lady Oscar. Oscar François de Jarjayes muore durante l’assalto alla prigione – fortezza il 14 luglio 1789. Il personaggio creato dalla mangaka Ryoko Ikeda rappresenta per moltissime un’icona femminista badass ante litteram.

Il personaggio, ideato negli anni ’70, ispirò un anime andato in onda in Giappone nel 1979 e arrivato nel nostro Paese il 7 marzo del 1982. La Rosa di Versailles (questo il titolo originale del manga Berusaiyu no bara) ha cambiato la vita di moltissime giovani donne e per altre è stata fondamentale per studiare la Rivoluzione Francese.

Lady Oscar e le altre donne

Se per molte la storia di Lady Oscar è profondamente sessista, rappresentando spesso le donne sottomesse e rassegnate, nei 40 episodi dell’anime e nel manga esiste uno spaccato molto interessante di diverse anime femminili. Come rappresenta l’excursus di Maria Antonietta, da adolescente innocente a Regina di Francia. La tenera Rosalie che incarna l’epoca, la vixen Jeanne e su tutte lei, Madame du Barry e la contessa di Polignac e su tutte la protagonista Oscar

In una delle battute simbolo del personaggio, Lady Oscar, la donna a cui era stata negata la sua anima femminile e femminista dimostra di aver comunque condotto la sua vita con estremo onore

“Non ho scelto la mia vita, ma ho acconsentito. Questo è il mio unico onore”.

È solo all’inizio del cartone animato, nell’episodio 11, ma Lady Oscar dimostra già allora di avere dote di fierezza e combattività da vera guerriera. È una frase che racchiude l’anima del personaggio lontano un miglio dai merletti e crinolini delle altre donne di corte, ma sempre e profondamente badass. Quando impugna la spada nell’ennesimo duello o quando capisce di amare André o quando risponde al padre dicendogli che non ha alcuna intenzione di contrarre matrimonio. 

© Pinterest

L’episodio centrale

Il cambio di atteggiamento che Oscar subisce dopo l’episodio Un innamorato respinto, quello dell’abuso di André, è stato molto discusso sui forum online e dai fan dell’anime, ma è una semplice variazione sul suo carattere profondamente forte e che non si piega di fronte a nulla. 

Dopo aver indossato per la prima volta un abito femminile ed essere stata rifiutata da Fersen, nella stessa puntata ha con il conte svedese uno degli scambi di battute più epici dell’anime (L’amore può portare solo a due cose o alla felicità estrema o a una lenta e triste agonia) e affronta André.

L’uomo con il quale è cresciuta insieme e l’unico che conosce la sua vera natura, con lui Oscar può essere badass e principessa allo stesso tempo confermando la sua natura di icona femminista ante-litteram. E da quel momento che la spadaccina più amata negli anni 80 acquisisce una nuova luce. Unendo l’animo maschile a quello femminile, Lady Oscar è ancora oggi un’icona per intere generazioni di bambine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here