Mila e Shiro, 34 anni fa la prima puntata su Italia 1

Era il 25 febbraio del 1986 e Mila & Shiro debuttava su Italia 1. Per molte ragazze, la vita non sarà più la stessa: muri, bagher, battute e schiacciate sono entrate nella nostra vita senza mai più andarsene. 

View this post on Instagram

This was my absolute first anime: "Attacker You!". Here in Italy it was SOOOO famous! The Italian opening was by Cristina D'Avena and I swear to you that if you start singing it everyone will start singing with you! I loved this anime and it's the reason why I started playing volleyball. So many feels, this is my childhood guys ❤ And for the italians here: 🎶GUARDA GUARDA IN CAMPO C'È UNA NUOVA GIOCATRIIIICEEEE, MILA IL SUO NOME È E TALENTO HA PER TREEEE🎶 Follow us for more @_.otaku.world._ #anime #manga #otaku #milaeshiroduecuorinellapallavolo #naruto #deathnote #namihayase #mila #tachikisō #milaeshiro #yurionice #takigawaeri #sportsanime #yu #sensei #spokon #volley #hazukiyu #animelover #volleyball #haikyuu #animeworld #jeanneetserge #otakuworld #light #attackeryou #ghibli #senpai

A post shared by _.otaku.world._ (@_.otaku.world._) on

Capelli rosso fuoco, voglia di vincere da vendere: Mila Hazuki è uno dei personaggi più amati della TV dalle ragazze nate fra fine anni 70 e metà anni 90. Arriva a Tokyo per vivere con il papà, un fotografo di successo, e frequenterà le scuole medie. Qui ritrova un fratello adottivo, Sunny, e s’innamora della pallavolo, o meglio di Shiro Tachiki, il capitano della squadra maschile. 

View this post on Instagram

Attacker You! è la storia dell'ambiziosa ed energica Mila Hazuki, una ragazza di campagna che, dopo aver vissuto l'infanzia a casa dei suoi nonni, si trasferisce a Tokyo per andare a vivere con il padre Toshiko, paese in cui era stato per molto tempo per lavoro, e per frequentare le scuole medie. La madre di Mila, che la protagonista crede morta, è una ex campionessa di pallavolo, che aveva militato anche nella nazionale giapponese e che per continuare a giocare aveva abbandonato la sua famiglia quando Mila aveva pochi anni; il padre, per non fare soffrire la figlia, aveva deciso così di far credere alla piccola che la madre fosse morta. #milaeshiro #attackeryou #milahazuki #yuhazuki #anime #manga #giappone #japan #tokyo #toshiko #peru #pallavolo #nazionale #giapponese #sunny #olimpiadi #hikawa #daimon #allenatore #squadra

A post shared by "Kalos Kai Agathos" 🌍 (@kalokagathia_art) on

La pallavolo fa parte del DNA di Mila visto che la mamma è un’ex campionessa. Sul parquet della scuola media, Mila conoscerà la sua prima amica-rivale Nami Hayase e si scontrerà con il perfido coach Daimon. Terminati gli studi con innumerevoli scontro con con le Sunlight guidate dall’alzatrice mancina  Kaori Takigawa per lei si aprono le porte di un importante club: le Seven Fighters. 

https://www.instagram.com/p/5zUhoVkQJT/

Questa la trama, o parte, dei 58 episodi di Mila e Shiro andati in onda per la prima volta 34 anni fa. La storia è ispirata al manga spokon (ambientato nel mondo dello sport) e shōjo Attacker YOU! ideato da Jun Makimura e Shizuo Koizumi e pubblicato per la prima volta nel 1984 in Giappone. Qui arriva subito in TV la versione anime ed esiste uno speciale ambientato nelle Olimpiadi di Pechino 2008: Mila e Shiro, il sogno continua.

Meno di due anni più tardi arriva in Italia e su Italia 1, anche in questo caso come È quasi magia Johnny o Lady Oscar, Mila e Shiro è stato soggetto a censure. Le prime già dall’episodio numero 1: Mila schiaffeggia il padre perché lei ritiene che Sunny sia figlio di una scappatella, mentre in realtà è stato adottato perché i suoi genitori sono entrambi morti. Nella stessa puntata, Mila uscendo dalla doccia non riesce a coprirsi del tutto e s’intravede mezza nuda ed è sempre lei che entra nel bagno degli uomini causando la fuga di alcuni compagni di scuola.

Nella seconda puntata, scopriamo che le mutande di Mila hanno un panda sopra. Una censura che farà molto male alle fan riguarda una puntata in cui Shiro sogna di baciare la nostra Mila e, viceversa, in un’altra sono i sogni della ragazza a subire i tagli. In un altro episodio, censurate le percosse di Daimon a Nami, atlete in reggiseno o seminude, come nel 31° in cui Mila si sta riprendendo da un infortunio ed è alle terme… 

Una curiosità: solo nella versione italiana, Mila era la cugina di Mimi Ayuwara. I due anime non hanno nient’altro in comune che la pallavolo. Questo spokon è molto meno recente: è stato pubblicato fra il 1968 e il 1970, mentre la versione animata risale al 1969-1971. Attack no. 1, il titolo in giapponese, è stato il primo spokon con protagoniste donne mentre la sua autrice, Chikako Urano, è considerata la fondatrice del shōjo. Quanto a Mila e Shiro, che ci crediate o no ha contribuito a diffondere la pallavolo all’interno di un’intera generazione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA