Nasce WikiToLearn: l’enciclopedia di appunti condivisa dagli studenti

Nasce sul web la prima enciclopedia libera per studenti, ispirata al software di Wikipedia, in cui condividere appunti, documenti, contenuti e scaricarli gratuitamente

Foto Shutterstock

WikiToLearn, enciclopedia condivisa dagli studenti

Si ispira a Wikipedia e al suo software MediaWiki, ma a scriverla sono gli studenti (e qualche prof) e il suo nome è WikiToLearn. Una piattaforma web dove condividere appunti, creare libri di testo, inserire documenti e contenuti a disposizione di tutti. A fondare quest’enciclopedia aperta sono stati 5 amici, studenti di Fisica all’Università Bicocca.

WikiToLearn, i fondatori

I fondatori di WikiToLearn hanno iniziato a raccogliere documenti nel 2015. Hanno coinvolto, a poco a poco, umanisti, filosofi, medici, economisti, matematici, facendo sì che questa piattaforma (come tante sul web) si distinguesse per essere un’enciclopedia libera, ricca e, soprattutto, realmente utile.

“Inizialmente il progetto è nato fra gli studenti per gli studenti – ha spiegato in un’intervista al Corriere Davide Valsecchi (23 anni) tra i fondatori di Wikitolearn – adesso molti professori ci sostengono e passano le loro dispense oppure verificano i materiali inseriti. Chi scrive o modifica i testi poi è sempre tracciabile”.

WikiToLearn: come funziona

Avere degli appunti in versione digitale è sicuramente utile, soprattutto per gli universitari di oggi che sono nati nell’era della tecnologia. Si possono scaricare, si possono scegliere le pagine da salvare, si possono assemblare, si può creare un vero e proprio libro. Tutto questo è possibile sulla piattaforma ispirata a Wikipedia.

WikiToLearn enciclopedia studenti
WikiToLearn enciclopedia studenti, foto Instagram @WikiToLearn

“Ad oggi sono online almeno cento corsi completi, più altri cinquanta in lingua inglese e altri ancora sono in costruzione, anche in francese, tedesco, spagnolo”, ha ancora detto Valsecchi al Corriere. Gli utenti-studenti che, nell’ultimo mese, hanno consultato e partecipato attivamente a WikiToLearn sono stati circa 18mila; mentre, nell’ultimo anno, si sono registrati circa 700 utenti. Ma l’idea dei 5 fondatori della Bicocca è quella di crescere ancora:

“Cerchiamo il classico universitario abituato a prendere appunti, che quindi ha già del materiale e lo tiene nel cassetto, con noi vedrebbe riconosciuto il suo merito e il suo impegno e farebbe un’opera utile per gli altri”, ha sottolineato ancora Valsecchi.

WikiToLearn è un lavoro prezioso, che non prevede retribuzione, almeno per il momento, ma che è un segno di grande solidarietà tecnologica tra studenti. Un progetto che unisce il vasto popolo degli universitari. Un modo per prepararsi agli esami con meno stress e più condivisione. Un lavoro utile, “uno dei più grandi progetti open source al mondo”, come lo studente dell’università Bicocca lo ha giustamente definito.

Visita la piattaforma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here